Fino a qualche anno fa si credeva che un buon cane da guardia potesse garantire alla casa un livello di sicurezza superiore alla media e scoraggiare delinquenti e malintenzionati. Con il passare degli anni e con l’aumento dei fatti di cronaca che hanno visto come protagoniste attività predatorie di vario genere si è capito che il cittadino non può considerarsi al sicuro.

Generalmente la prima soluzione che si adotta è montare una porta d’ingresso blindata.
Tuttavia l’esperienza ci insegna che le porte blindate non bastano a fermare i ladri più determinati, che grazie all’utilizzo di ausili di vario genere riescono a intrufolarsi facilmente attraverso espedienti tecnologici e fisici.

In ogni caso porte blindate, finestre con chiusure di sicurezza e inferiate sono solamente la base, la cosiddetta “protezione passiva”, primo passo di un sistema di sicurezza completo ed efficace.

Per quanto robusta e accurata, qualunque protezione passiva può essere violata da malviventi dotati di tempo sufficiente e di attrezzature idonee.

Ecco perché la strategia-sicurezza deve essere implementata con una protezione di tipo attivo, vale a dire con l’installazione di un sistema d’allarme antintrusione; i dispositivi elettronici che, in caso d’intrusione, mettono in funzione delle sirene e che possono chiamare anche le forze di pronto intervento in caso di allarme.

Non bastano porte e finestre robuste per assicurare un'adeguata protezione alla propria casa

INSTALLA UN SISTEMA DI SICUREZZA ELETTRONICO !